Perd un amiis

Lug 22 • L'opinione, Prima Pagina • 527 Visite • Commenti disabilitati su Perd un amiis

Il dolore di Edo Figini

Il dolore di Edo Figini

Quand sa perd un amiis, un amiis-vèra,

sa sent prufund in cöör quel taal duluur

che ta tra-gio, si, quel che ta trà in tera.

Quel che senti mi, mò. Gh’è piü ‘l Dutuur.

 

Hu ‘pena ricevüü ‘n quei dees dì fà

ul’ültim Zibaldun tant’aprezzaa

e mò ma vegn da piang dumà’pensà

che quell, pürtropp, urmai l’è temp passaa.

 

Caru Dutuur, se ta pò,  guarda gio,

‘vedé che i malandazz ch’eet denünciaa

in ben reaai e, forzi, peeg ammò

 

E ta ma mancaree, quest l’è acertaa.

La tua sagezza, i tò pareer, parciò:

Grazie?Tropp pooch, par tütt quell che m’eet daa.

 

         © Edo Figini. 12 lug. 2016.

 

Traduzione

 

Perdere un amico

Quando si perde un amico, un vero amico,

si sente in fondo al cuore quel tal dolore

che ti butta giù, quello che ti butta a terra.

Quello che sento io adesso. Non c’è piu il “Dutuur”.

 

Ho appena ricevuto, circa dieci giorni fa

l’ultimo Zibaldone tanto apprezzato,

e adesso mi viene da piangere solo al pensare

che quello, purtroppo, è ormai tempo passato.

 

Caro dottore, se puoi, guarda giù,

a vedere che i malandazzi che hai denunciato,

sono ben reali, e forse ancora peggio.

 

E mi mancherai, questo è accertato.

La tua saggezza, i tuoi pareri, perciò:

Grazie? È troppo poco, per tutto quello che mi hai dato.

Comments are closed.

« »