Par Nataal

Dic 15 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 255 Views • Commenti disabilitati su Par Nataal

Le poesie dialettali di Edo Figini

Dü ugioni grand, isbarataa e stranii

lüseent cumè la brina sota ’l suu,

a rimirà quell ben-di-Diu guarnii

di ramm dal pin.

 

I zendelinn d’argent, la neef, i bocc

e candelinn che stantan a stà drizz,

par forza a ‘stù gugnin ga scapa j’öcc!

Dala gran cossa.

 

E ‘l batt i man, cunteent cumè i gatitt,

quand giügan a catass la cùa, opür

quand fann girà ‘n gumitul cui sciampitt,

sül tapee bell.

 

L’è bell vedé ‘n di öcc da l’inucenza

la gioja dal Nataal che l’è ‘ncamò,

par luur, ul dì incantaa par ecellenza.

Ul dì di sögn.

 

Nataal la festa dal Gesü-Bambin,

vegnüü a purtà l’amuur a tüti i gent.

‘Mpieniss ul cöör. Senza svujdà-vedrinn,

ma… a vuress ben.

 

 

© Edo Figini. 15 nov. 2009.

 

Traduzione

 

Per Natale

 

Due occhioni grandi, spalancati e straniti,

lucenti come la brina sotto il sole,

a rimirare quel ben-di-Dio

dei rami del pino guarniti.

 

I fronzoli d’argento, la neve le bocce

e le candeline che faticano a stare diritte,

per forza a questo pupetto gli scappano gli occhi!

Dalla gran foga.

 

E batte la mani, contento come i gattini

quando giocano a mordersi la coda, oppure

quando fanno girare un gomitolo con le zampine,

sul tappeto buono.

 

È bello vedere negli occhi dell’innocenza

la gioia del Natale che, per loro, è ancora

il giorno incantato per eccellenza.

Il giorno dei sogni.

 

Natale, la festa del Gesù Bambino,

venuto a portare l’amore a tutte le genti.

Riempirsi il cuore. Senza svuotar-vetrine,

ma… volendosi bene!

 

Comments are closed.

« »