Naziunalismu

Nov 16 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 219 Views • Commenti disabilitati su Naziunalismu

Le poesie dialettali di Edo Figini

Quand senti tütt quii bei discurz che parlan

da lota a quel tal “brütt” naziunalismu,

dun culp i mè idej ai sa dessédan:

parchè l’è peeg “l’internaziunalismu.”

 

Da quii ch’ann inventaa ‘nca la canzun

e che la càntan cumè “internaziunaal” ,

par destrügà ‘l cuncett dala “Naziun”

e “Patria” cumè ‘l füss pecaa murtaal.

 

Quii si, duaressan vess  emarginaa.

Parchè fina da quand che mund l’è mund

madre natüra l’ha sempru decretaa

che pal sò spazi gh’è l’amur prufund.

 

E veegh queidün furest a cumandamm

quand che  semm in cà nosta e che stemm ben

l’è la peeg-roba che pò capitamm.

Cumpagn da scööd la seed cunt’ul velen.

 

© Edo Figini 13 nov. 2018.

 

 

Traduzione

 

Nazionalismo

Quando sento tutti quei bei discorsi che parlano

di lottare contro quel brutto nazionalismo,

di colpo le mie idee si svegliano:

perché è peggio l’internazionalismo.

 

Di quelli che hanno inventato anche l’inno

e che lo cantano come l’internazionale,

per distruggere il concetto di “Nazione”

e “Patria”, come fosse un peccato mortale.

 

Quelli sì dovrebbero essere emarginati.

Perché da che mondo è mondo,

madre natura ha sempre dimostrato

l’amore profondo per il proprio spazio.

 

E avere qualche forestiero a comandarci

quando siamo in casa nostra e che stiamo bene,

questa è la peggior cosa che può capitarci.

Come a dissetarsi con il veleno.

Comments are closed.

« »