L’UDC chiede una moratoria in materia d’asilo – bisogna ristabilire il controllo alle frontiere

Giu 26 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 570 Visite • Commenti disabilitati su L’UDC chiede una moratoria in materia d’asilo – bisogna ristabilire il controllo alle frontiere

Logo UDC

La politica d’asilo della consigliera federale Simonetta Sommaruga conduce diritti al baratro. Il numero di domande d’asilo è aumentato del 60% (!) fra i mesi di aprile e maggio scorsi. Le entrate clandestine in Svizzera e gli abusi del diritto d’asilo aumentano costantemente. Il tasso di richiedenti che rimangono in Svizzera – domande accettate e ammissioni provvisorie – non è mai stato così elevato. Contemporaneamente, il Segretariato di Stato alle migrazioni annuncia, incidentalmente, che in questi ultimi giorni il Corpo delle guardie di confine ha registrato un numero eccezionalmente alto di persone soggiornanti illegalmente in Svizzera alla frontiera sud del paese. E cosa dice la consigliera federale? 

  1. Apriamo dei centri d’accoglienza supplementari.
  2. Promettiamo solidalmente all’UE che accoglieremo ancora più richiedenti l’asilo.
  3. La cosiddetta azione umanitaria consistente nell’accettare 3’000 Siriani scelti a caso è già cominciata.
  4. Il suo segretario di Stato ha già annunciato che il pronostico di 29’000 domande d’asilo più/meno 2’500 è senza dubbio troppo basso per il 2015.

La barca è piena. L’UDC chiede che il Consiglio federale ricorra al diritto d’urgenza e sospenda per almeno un anno la legge sull’asilo.

 
Cosa significa sospendere la legge sull’asilo tramite il diritto d’urgenza? Durante questa sospensione è proibito prendere delle decisioni positive inerenti alle domande d’asilo o accordare ammissioni provvisorie. Non è permesso attribuire visti umanitari e accogliere rifugiati nell’ambito di contingenti. Le domande di ricongiungimento familiare  di persone soggiornanti in Svizzera grazie al diritto d’asilo o di rifugiati riconosciuti che vivono dell’assistenza sociale vanno rifiutate. Per applicare queste regole, le frontiere devono di nuovo essere controllate sistematicamente, se necessario con l’aiuto dell’esercito. Contemporaneamente, bisogna proteggere i rifugiati di guerra in prossimità delle regioni in crisi. La Confederazione deve, a questo scopo, dare la priorità all’assistenza umanitaria nel budget dell’aiuto allo sviluppo.
Aumentando massicciamente il tasso di riconoscimento dei rifugiati e il numero delle persone ammesse provvisoriamente, il Segretariato di Stato alle migrazioni e la consigliera federale responsabile, cercano unicamente di diminuire il più rapidamente possibile il numero di casi pendenti. Questa politica irresponsabile ha non solo delle conseguenze economiche e sociali gravi per la Svizzera, ma minaccia anche la sicurezza nazionale. Inoltre, sempre più spesso si sente parlare di terroristi infiltrati grazie all’industria svizzera dell’asilo. La cosiddetta azione umanitaria di ammissione di Siriani scelti a caso, senza procedura d’asilo ma con un diritto di soggiorno duraturo deve perciò essere immediatamente arrestata.


Un’immigrazione annuale netta di circa 80’000 persone l’anno (senza dubbio 100’000 nel 2015) supera già largamente la capacità d’integrazione e i mezzi finanziari degli istituti sociali svizzeri. Rifiutando di svolgere il lavoro per il quale è stata eletta e incoraggiando l’accoglienza più generalizzata possibile di richiedenti l’asilo, la signora Sommaruga calpesta l’idea umanitaria sulla quale si fondava inizialmente il diritto d’asilo svizzero. La Svizzera deve riprendere in mano la sua politica d’asilo. Il sistema di Schengen/Dublino ha fallito. La Confederazione deve quindi sospendere la legge sull’asilo tramite il diritto d’urgenza e controllare di nuovo sistematicamente le sue frontiere.

Il gruppo parlamentare UDC depositerà un intervento in questo senso in Consiglio nazionale e in Consiglio degli Stati, ancora durante questa sessione. Ha inoltre depositato il numero di firme necessario per convocare il più rapidamente possibile una sessione speciale sulla politica d’asilo.

Comments are closed.

« »