L’integrazione e il Corano

Dic 18 • Lettori, Prima Pagina • 365 Visite • Commenti disabilitati su L’integrazione e il Corano

Viviamo in un paese laico fondato su una Costituzione e leggi libere volute dal popolo sovrano.

Ora, dinamiche fondamentaliste di natura islamica, le vogliono neutralizzare a loro esclusivo vantaggio attraverso atti di intimidazione, senza pudore, insofferenti nell’accettare le leggi del paese che li ospita.                                                                                       

Si può essere laici e profondamente religiosi, ciò non è incompatibile. Sono loro che vogliono essere diversi e non noi che temiamo il diverso, come si cerca di far credere. Lo Stato laico non fa alcuna differenza tra le religioni, non ne riconosce nessuna. Le accetta tutte dal momento che non infrangono o interferiscono con le leggi dello Stato dove le professano. La laicità separa strettamente la politica dalla religione. Vieta e proibisce di calunniare o arrecare danno alla dignità delle persone.

Le divinità non sono persone per lo Stato laico. Esse sono delle credenze per taluni e non per altri e questo non riguarda lo Stato. Purtroppo il diritto musulmano è un tutto: da prendere o lasciare.     

I musulmani fondano il loro diritto sul Corano che impone loro il dovere d’obbedire alla legge di Dio che considera in tutti i casi “superiore alla legge dello Stato”. Con simili premesse e norme musulmane è impossibile costruire una società compatibile con la modernità occidentale. È una religione in conflitto permanente. L’Occidente ha integrato nel suo sistema di pensiero la libertà d’espressione per far fronte all’eccesso della Chiesa e delle autorità politiche assoggettate a quest’ultima.  Loro no.

Sorge spontanea la domanda: come potremo mai integrare queste persone che ci considerano dei miscredenti infedeli perché laici?

Difendere la nostra cultura non è un reato ma un obbligo che troppi politici arrendevoli rifiutano di contrastare nel nome del politicamente corretto

 

 Raoul Bettosini, Lugano

Comments are closed.

« »