Le previsioni dell’UDC sono esatte: l’immigrazione aumenta

Mag 27 • Dall'UDC, Dalla Svizzera • 770 Visite • Commenti disabilitati su Le previsioni dell’UDC sono esatte: l’immigrazione aumenta

Logo UDC

L’UDC aveva già messo in guardia dopo il 9 febbraio scorso contro un nuovo aumento dell’immigrazione nel 2014. Previsione esatta, perché dei resoconti apparsi nei media annunciano una crescita dell’immigrazione del 14% in marzo. Questa pressione migratoria  aumenterà certamente nel corso del 2014 e negli anni seguenti, perché la Svizzera non può più ricorrere alla clausola di salvaguardia nei confronti dell’UE e anche perché al più tardi nel 2016, la Bulgaria e la Romania beneficeranno della completa libera circolazione delle persone. Ciò significa che il Consiglio federale deve agire immediatamente e applicare l’iniziativa popolare “contro l’immigrazione di massa”.

 

Venerdì scorso, l’UDC ha presentato delle proposte concrete per mettere in atto la nuova norma costituzionale che esige un controllo dell’immigrazione. Essa chiede ora al Consiglio federale di agire senza ritardo e di applicare rapidamente l’iniziativa popolare “contro l’immigrazione di massa” accettata da popolo e cantoni. Purtroppo, bisogna constatare che il governo è recalcitrante a mettere in atto questa iniziativa e che sta in realtà attendendo che Bruxelles rifiuti a breve scadenza di avviare nuovi negoziati sulla libera circolazione delle persone. Secondo questa strategia, la via sarebbe in seguito spianata verso una nuova votazione popolare sull’integrazione istituzionale della Svizzera nell’UE, che confermerebbe la libera circolazione delle persone. La conseguenza è evidente: il proseguimento di un’immigrazione di massa e incontrollata quale quella che stiamo vivendo attualmente.

 

Secondo degli articoli apparsi nella stampa, l’immigrazione netta in Svizzera avrebbe raggiunto le 20’000 persone durante il primo trimestre di quest’anno. Ciò non sorprende, perché nessuna delle richieste dell’iniziativa popolare “contro l’immigrazione di massa”, che popolo e cantoni hanno accettato il 9 febbraio scorso, è stata realizzata. Anche l’anno scorso il numero degli immigranti ha superato di 85’000 unità quello degli emigranti. La libera circolazione delle persone mantiene quindi l’immigrazione a un livello elevato e questa continuerà ad aumentare fintanto che Consiglio federale e Parlamento avranno applicato la nuova norma costituzionale: da una parte, la Svizzera ha perso gli ultimi mezzi per limitare l’immigrazione, dall’altra, il Consiglio federale ha quasi indirizzato lo scorso aprile un invito a tutti i cittadini dell’UE affinché vengano nel più alto numero possibile in Svizzera finché è in vigore la libera circolazione delle persone. Il governo ha infatti deciso, per delle ragioni incomprensibili, che tutti i cittadini dell’UE immigranti in Svizzera sulla base della legge attuale, conserveranno definitivamente il loro diritto al soggiorno, alle prestazioni sociali, al ricongiungimento familiare, eccetera.

 

L’UDC invita il Consiglio federale ad applicare rapidamente e completamente la norma costituzionale sul controllo dell’immigrazione. Il sovrano non accetta più che lo si prenda in giro.

 

UDC Svizzera

Comments are closed.

« »