L’associazione “Amici delle Forze di Polizia Svizzere” (AFPS)

Mag 6 • Dal Cantone, Dalla Svizzera, L'opinione, Prima Pagina • 240 Views • Commenti disabilitati su L’associazione “Amici delle Forze di Polizia Svizzere” (AFPS)

 

L’associazione “Amici delle Forze di Polizia Svizzere” (AFPS) desidera esprimere la sua profonda amarezza, lo sconcerto e la delusione nei confronti del Consiglio Federale ed in particolare nei confronti della ministra della Giustizia Sig.ra Simonetta Sommaruga. Il mancato accoglimento delle istanze provenienti dalla società civile, dalla “Federazione Svizzera dei Funzionari di Polizia” e dalle Polizie Comunali del Canton Ticino con la sua associazione in merito alla revisione dell’articolo “285 CPS, mostra ancora una volta a nostro avviso, quanto sia profonda la distanza esistente tra chi governa il paese e il popolo.

Aumentare da 30 a 120 le aliquote giornaliere a chi aggredisce coloro che rischiano la vita sul terreno ogni giorno per proteggerci, è “un esercizio alibi “che non serve a nulla se non a dimostrare di aver fatto qualcosa.

Noi non ci stiamo, continueremo questa battaglia di civiltà sperando che la Commissione preposta del Consiglio degli Stati vorrà considerare la gravità della situazione e interverrà in maniera adeguata.

Nel ringraziare il consigliere nazionale ticinese del PPD Marco Romano, nostro alfiere in questa battaglia, per tutto l’impegno profuso a sostegno delle nostre istanze, oltre a ricordare tutti coloro che si sono impegnati firmando la nostra petizione sul sito www.art‐285.ch, ribadiamo che il nostro impegno non verrà mai meno, anzi raddoppierà. I cittadini e non solo gli agenti di Polizia e le loro famiglie oggi guardano i palazzi della politica attendendo riposte serie e coerenti.

 

Associazione Amici delle Forze di Polizia Svizzere

 

Comments are closed.

« »