L’ann nööf

Gen 14 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 108 Views • Commenti disabilitati su L’ann nööf

Le poesie dialettali di Edo Figini

Finiss un ann, tiremm ul fiaa

l’è un ann in piü, ma l’è passaa.

L’è staa ‘nn’ann bun? Disem da si,

opür, (pò-dass), dumà ‘nscì-nscì.

 

Però cumincia ul ann nuvell,

e nüm al vörum püssee bell.

E quindi, sota a dass da fà

parchè l’è tütt da cunquistà.

 

E regurdà ‘n pruverbi d’oor

che l’gh’avarà ‘nca ‘n miliun d’ann,

ma che ‘l vaar sempar un tesoor:

 

Chi che sta li cui man-in-man,

al pò sperà ‘ndala fürtüna,

ma ‘l narà mai tant da luntan.

 

© Edo Figini 23 dic. 2017.

 

Traduzione

 

L’anno nuovo

Finisce l’anno, respiriamo di sollievo,

è un anno in più, ma è passato.

È stato un anno buono? Diciamo di sì,

oppure, può darsi, solo così-così.

 

Però comincia l’anno nuovo,

e noi lo vogliamo migliore.

E quindi di buona lena a darsi da fare

perche è tutto da conquistare.

 

E ricordare un proverbio d’oro,

che avrà anche un milione di anni,

ma che vale sempre un tesoro:

 

Chi sta con le mani in mano,

può sperare nella fortuna,

ma non andrà mai tanto lontano.

 

Comments are closed.

« »