La primavera

Apr 21 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 159 Visite • Commenti disabilitati su La primavera

Le poesie dialettali di Edo Figini

In mezz al secch dal bosch

sa veed a spicà ‘l bianch,

dai sceres matt i branch

fiurii, che jeer nun gh’era.

 

Timid, i primulett,

rebüta ul pan-purzin,

prufüm da viuletinn,

in da l’aria lingera.

 

L’è ‘l bjügh dala nartüra

che slarga fö ul sò fiaa.

E l’ai dal urz, cargaa

da virtü, ‘na miniera.

 

Un dì ‘l piööf e ‘n dì ‘l fioca

e ‘n di ‘l farà ‘nca bell,

ma ‘ntant l’invernu e ‘gel?

Finii !   L’è PRIMAVERA.

 

© Edo Figini 19 mar. 2017.

 

Traduzione

 

La Primavera

 

Fra le piante spoglie del bosco,

si vede spiccare il bianco

del ciliegio selvatico fiorito

che ieri non c’era.

 

Timide primule,

rispuntano i ciclamini,

profumo di violette,

nell’aria leggera.

 

È la linfa della natura,

che allarga il suo respiro.

E l’aglio orsino, carico

di una miniera di virtù.

 

Un giorno piove un dì nevica

e un altro farà anche bel tempo,

ma intanto l’inverno e il gelo?

Finiti! È primavera.

Comments are closed.

« »