La popolazione della Svizzera cresce dell’equivalente della città di Winterthur

Ott 2 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 683 Visite • Commenti disabilitati su La popolazione della Svizzera cresce dell’equivalente della città di Winterthur

Logo UDC

La popolazione della Svizzera è di nuovo fortemente cresciuta nel 2014, ossia di 93’035 persone (+1,2%), secondo un comunicato pubblicato dall’Ufficio federale di statistica. Questa cifra corrisponde all’equivalente della città di Winterthur. Questo aumento è dovuto per il 99% all’immigrazione. L’immigrazione di massa continua perciò senza alcun cambiamento.
A fine 2014, la popolazione residente permanente della Svizzera ammontava a 8’237’666 persone. L’immigrazione di straniere e stranieri ha raggiunto le 78’500 persone, ossia l’equivalente della popolazione del canton Sciaffusa. A questa cifra bisogna aggiungere un’eccedenza di nascite di oltre 18’500 unità fra gli stranieri. La crescita della popolazione residente di 98’035 persone nel 2014 è la terza più elevata degli ultimi 15 anni.
Una Svizzera di 10 milioni d’abitanti nel 2030
Se questa evoluzione continua, la Svizzera raggiungerà la soglia dei 10 milioni d’abitanti nel 2030. Le conseguenze di questa smisurata crescita demografica sulle infrastrutture, l’alloggio, l’impiego, le istituzioni sociali, eccetera non sono prevedibili al momento attuale.
Questa crescita della popolazione è dovuta quasi esclusivamente all’immigrazione. Dall’accettazione dell’iniziativa popolare “contro l’immigrazione di massa”, oltre 100’000 persone supplementari sono immigrate in Svizzera.
Eseguire finalmente il mandato costituzionale
È pertanto inaccettabile che il Consiglio federale continui a fare ostruzionismo e a ritardare per ragioni di tattica elettorale l’applicazione della norma costituzionale approvata da popolo e cantoni per la gestione e la limitazione dell’immigrazione. L’UDC invita il Consiglio federale a presentare nel più breve tempo possibile il messaggio concernente la legislazione d’applicazione. Bisogna che finalmente la Svizzera rimetta in vigore i contingenti e la priorità nazionale, unico modo per gestire efficacemente l’immigrazione.

 

UDC Svizzera

Berna, 29 settembre 2015

Comments are closed.

« »