La castegna

Dic 14 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 83 Views • Commenti disabilitati su La castegna

Le poesie dialettali di Edo Figini

Sa vèrdan i risc e pö crodan par tera

castegn bei lüsent tant che paran  lüstraa.

Curii a cataj sü, che  l’è un ben regalaa,

d’ajütt sustanziuus in di ann dala guera.

 

Che bun i castegn cun la pell e faj büij.

Biröll,  o cul lacc, o faj föra a fregüj.

Marmita centrala, ugnidün pò pescà

e tütt boca-piena a cagnà e mangià.

 

Castegna mudesta, mudell d’ümiltà

regina dal bosch che sa scund in di föij.

E spungias i diit quand sa vann a cercà

l’è ul piasé che ga manca , …a quii che và a töij!!

 

© Edo Figini 13 sett. 2016

Traduzione

La castagna

Si aprono i ricci e poi cadono a terra

castagne lucenti che sembrano lucidate.

Correte a raccoglierle, che sono un bene regalato,

di sostanzioso aiuto negli anni della guerra.

 

Che buone le castagne fatte bollire con la pelle.

Caldarroste, o col latte o sbriciolate.

Marmitta in centro, ognuno può pescare,

e tutti a bocca piena a masticare e mangiare.

 

Castagna modesta modello di umiltà,

regina dei boschi che si nasconde fra le foglie.

E pungersi le dita, quando si va a raccoglierle,

è il piacere che manca a chi le va a comperare.

Comments are closed.

« »