La “brunetta” del PLR, si candida all’Eurosong!

Gen 13 • Dal Cantone, L'opinione, Prima Pagina • 744 Views • Commenti disabilitati su La “brunetta” del PLR, si candida all’Eurosong!

Drake

Anche il PLR, in vista dell’imminente festival elettorale, presenta la sua “nuova proposta”. È la “brunetta” dei borsoni, da non confondersi con quella più famosa dei Ricchi & Poveri.

Quando la si ascolta, la si vede o la si legge, dà l’impressione che si stia preparando per intonare una canzone e partecipare a un concorso canoro indetto dall’UE, un “Eurosong contest”. Purtroppo per lei, il motivetto è stucchevole e ripetitivo; il titolo del brano che la “brunetta” del PLR vorrebbe lanciare ai primi posti della hit parade elettorale è: “Avviciniamoci all’Europa, oh yeah” .

Come no! Canta, brunetta che poi, dopo il 19 aprile ti passerà!

Con questa premessa, difficilmente la new entry ugola d’oro del PLR, riuscirà a suscitare l’entusiasmo dei fan dell’ex-Partitone. Una “stecca” non da poco, che può causare all’apparato uditivo qualche fastidioso disturbo. La vocalistgirl, credendo di catturare l’attenzione, nel suo motivetto gorgheggia che la Svizzera deve abbracciare appassionatamente, lingua in bocca, l’adone europeo il quale permetterà a Elvezia di raggiungere orgasmi infiniti, il massimo dell’erotismo, da fare invidia a Extasia, facendola sentire, una volta e per tutte, di essere finalmente donna!

Diciamocelo a chiare lettere: questo è un ritornellooramai datato, che non fa più presa, soprattutto sulle nuove generazioni, costrette a girarsi i pollici grazie alla libera circolazione, voluta, osannata, idolatrata da più parti – politicamente parlando – e che ora sta dando i suoi velenosi frutti. Ma la “brunetta” non demorde, dimentica, forse, che il sound oggi è cambiato e che la canzone (o tiritera melodica) non fa più tendenza. Oggi ci vuole ritmo, quello che fa ballare i giovani e non li costringe ad assopirsi e morire d’inedia. Certo che con qualcosa come 65’000 frontalieri che ogni giorno vengono a lavorare (e non a rubare) c’è poco da stare allegri!  Semmai coloro che rubano vanno ricercati altrove: sicuramente, fra le strofe della canzoncina di cui si diceva sopra, si possono facilmente individuare. Quindi sarà opportuno tornare nello studio di registrazione e riscrivere testo e melodia!

Sì, stiamo assistendo a un festival canoro-elettorale che palesa poca fantasia e nessuna novità. Concorrenti che dovranno ricorrere al play back poiché la loro voce è debole, non incide e bisogna amplificarla artificialmente. Purtroppo non basterà!

La “giuria” premierà solo i veri talenti: sfortunatamente, guardandoci attorno non ne vediamo e inoltre la band che li accompagna è sempre fuori tempo!

Comments are closed.

« »