Il gruppo UDC s’oppone all’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia

Mag 2 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 534 Visite • Commenti disabilitati su Il gruppo UDC s’oppone all’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia

Logo UDC

Il gruppo UDC s’è riunito il 25.04.2016 a Berna, all’inizio della sessione speciale del Consiglio nazionale. Esso ha deciso all’unanimità di rifiutare l’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia. Questo progetto è in flagrante contraddizione con la norma costituzionale sulla gestione autonoma dell’immigrazione. Inoltre, i parlamentari UDC hanno sostenuto diverse proposte di modifica del programma di legislatura.

Il Consiglio federale aveva bloccato l’estensione della libera circolazione delle persone alla Croazia, dopo l’accettazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa. Questa proposta viola infatti chiaramente l’articolo costituzionale approvato da popolo e cantoni. Cedendo a un ricatto di Bruxelles concernente la partecipazione della Svizzera ai programmi di ricerca dell’UE, il Consiglio federale ha fatto un voltafaccia del tutto anticostituzionale. La maggioranza della commissione preparatoria del Consiglio nazionale l’ha seguito in questa deriva. L’UDC rifiuta categoricamente di partecipare a questo gioco. Al contrario, essa chiede che la Confederazione imponga rapidamente una gestione e una limitazione autonome dell’immigrazione da tutti i paesi UE, compresa la Croazia, come lo esige la Costituzione.

Il programma di legislatura 2015-2019 definisce le linee direttive politiche e gli obiettivi e misure che ne derivano per la politica governativa 2015-2019. Il Parlamento dovrebbe approvare questo programma di legislatura con un decreto federale semplice.

I rappresentanti dell’UDC nella commissione del programma di legislatura hanno depositato diverse proposte che sono state trasmesse al Parlamento:

  • il mandato di elaborare un piano completo d’esame dei compiti della Confederazione;
  • il mandato di preparare un programma completo di deregolamentazione;
  • l’attribuzione di un quadro di pagamento per l’esercito di 20 miliardi di franchi per gli anni 2017-2020.

Il gruppo sostiene queste proposte e altre ancora dell’UDC per il programma di legislatura.

UDC Svizzera

Berna, 25 aprile 2016

Comments are closed.

« »