I vutaziun

Mag 14 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 649 Visite • Commenti disabilitati su I vutaziun

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Quand gh’è scia i vutaziun,

candidaa che s-rasòna,

che par un cadregun

ogni arma l’è bona.

 

“Inn a “dispusiziun”

“par ul ben dal Paees.”

Ma par veegh l’eleziun

guardann migna a fa spees.

 

I santitt a quintaai

culuraa  e lüseent,

tant innütij che urmai

a stumégan la geent.

 

A guardà ‘n süi giurnai

in tütt “lettere aperte.”

Tütt che sà cumè mai

certi ropp “vanno storte”.

 

Par nà in televisiun,

e tentà a “prufilass”

a gh’è piü remissiun,

pudaressan squartass.

 

Gio prumess a burlùn,

mari, monti e da piü

tütt i frottul fann bun

pür da fass “mandà sü”.

 

E ga ciaman “campagna”

a tütt quisti andament.

Mi ga ciami “muntagna

da busii e giürament.”

 

Pö passaa i vutaziun,

par quii pooch che “va sü”

incumincia ul tran-tran

ciapi trii e paghi…  piü.

 

Regurdass di prumess

che i gh’han faj ala geent?

“Dopu, dopu, mia adess,

Mo a va giò ul gradiment.”

 

E l’è brütt cunstatà

che ul sò scopu scundüü

l’è reüssi a cunservà

‘l cadreghin sota al cüü!

 

Però gh’è ‘n’ca  i mosch-bianch.

Cert, che gh’è di ecceziun.

Ma ’j cunferman la régula.

E… a ma vegn ul magun!

 

© Edo Figini   25 marzo 2011.

 

Traduzione

 

Le votazioni      

 

Quando arrivano le votazioni,

candidati che s-ragionano,

che per un seggio

ogni arma va bene.

 

“Sono a disposizione”

“per il bene del Paese”,

ma per avere l’elezione

non badano a spese.

 

I “santini” a quintali,

a colori e lucenti,

tanto inutili, che oramai

sono disgustosi alla gente.

 

A guardare i giornali,

sono tutte “lettere aperte”.

Tutti che sanno come mai

certe cose vanno storte.

 

Per andare in televisione

e tentare di profilarsi,

non c’è più remissione,

sono pronti a squartarsi.

 

Giù promesse a valanga,

mari e monti e di più.

Tutte le balle sono buone,

pur di farsi eleggere.

 

E  chiamano “campagna”

tutti questi andamenti.

Io la chiamo montagna

di bugie e giuramenti.

 

Poi passate le votazioni,

per quei pochi eletti,

incomincia il tran-tran

del prendo tre e … non pago più.

 

Ricordarsi delle promesse

fatte alla gente?

“Dopo, dopo, non adesso.

Adesso fanno scendere il “gradimento”.

 

Ed è brutto constatare,

che il loro scopo nascosto

è quello di riuscire a conservare

il “cadreghino” sotto il loro sedere.

 

Poi, come ci sono le mosche bianche,

certo che ci sono delle eccezioni.

Ma confermano la regola.

E… mi viene da piangere.

Comments are closed.

« »