Habemus presidentem!

Feb 5 • Prima Pagina • 674 Views • Commenti disabilitati su Habemus presidentem!

Pinoja-Marchesi Congresso Sorengo

Congresso cantonale UDC – 24.01.2016

 

(enm) Nonostante la partecipazione da record (almeno 140 presenti di cui 124 con diritto di voto) e le diatribe che lo precedevano – che facevano presagire perlomeno un’assemblea tumultuosa – il congresso di UDC Ticino si è svolto in un clima relativamente sereno.

Il presidente uscente, Gabriele Pinoja, ha fatto il suo discorso presidenziale citando i punti salienti che hanno caratterizzato l’attività del quadriennio, in particolare l’iniziativa “Prima i nostri” e il brillante risultato del partito alle nazionali dello scorso ottobre, che ha permesso la co0moda rielezione dei consiglieri nazionali di Lega e UDC ma, soprattutto, che ha visto quest’ultima ottenere il miglior risultato della sua recente storia (11,3%).

Ha poi elogiato la ritrovata intesa con la Lega in un accordo di ampio respiro che comprende anche le prossime comunali di aprile, auspicando per il futuro un’unione delle forze ticinesi di destra.

 

Marchesi Congresso Sorengo

È stata quindi la volta dell’elezione del presidente.

Per primo ha avuto la possibilità di esprimersi il candidato di Bellinzona, Athos Ambrosini, il quale – come ci si attendeva – è stato estremamente critico sulla passata gestione del partito. Fare autocritica e ascoltare la base, la sua ricetta qualora fosse stato eletto presidente.

Si è poi presentato il candidato del Malcantone, Piero Marchesi che, non avendo particolari critiche da rivolgere alla Direttiva di cui faceva parte – come peraltro Ambrosini – e di cui ha condiviso a suo tempo le scelte, ha utilizzato i cinque minuti a sua disposizione per un discorso più positivo e propositivo.

I presenti gli hanno dato fiducia, eleggendolo con 99 voti contro i 24 di Ambrosini, un’astensione e una scheda nulla.

 

Alla vicepresidenza per il Sottoceneri erano candidati Tiziano Galeazzi e Alain Bühler. Il primo ha annunciato il ritiro della sua candidatura per eccessivo accumulo di impegni, cosicché il presidente dei Giovani UDC ticinesi è stato eletto alla vicepresidenza del partito per acclamazione.

 

Per il Sottoceneri, Athos Ambrosini ha pure annunciato il suo ritiro dalla competizione, ma qui i candidati rimanevano comunque due: Orlando Del Don, già deputato in Gran Consiglio, e un altro giovane UDC, Christian Clemente.

Si è quindi proceduto alla votazione che ha visto prevalere Orlando Del Don con 68 voti, contro i 35 di Christian Clemente, 5 schede bianche e 4 nulle.

 

Il neo-presidente ha poi ringraziato tutti per la partecipazione e il consenso nei suoi riguardi, nonché il presidente uscente sulla cui collaborazione fa comunque affidamento anche per il futuro.

 

Alle eventuali, il segretario cantonale ha proposto la nomina di Pierre Rusconi e Gabriele Pinoja a membri onorari di UDC Ticino, proposta accettata con un grande applauso.

 

Comments are closed.

« »