Giurnada storta

Feb 5 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 328 Visite • Commenti disabilitati su Giurnada storta

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Par vegnì  fö da ca

ù metüü sü i mè scarp

e anca ul mè capell

(malgradu ul gran ventasc),

par nà a girà  ‘l mercaa.

 

Ma l’eva ‘n dì stort,

bastarda sort.

 

Sum mia rivaa ‘l mercaa

parchè ‘stu brütt ventasc

l’ha bufaa via ‘l capell,

‘ndal cuur, ù perdüü i scarp

e ‘nscì sum turnaa a ca.

 

                        © Edo Figini 20 dic. 2015.

 

 

Traduzione

 

Giornata storta

 

Per uscire di casa

ho messo le mie scarpe

e anche il mio cappello

(malgrado il forte vento)

per andare a fare un giro al mercato.

 

Ma era un giorno storto,

bastarda sorte.

 

Non sono arrivato al mercato

perché questo ventaccio

ha soffiato via il cappello,

nel rincorrerlo ho perso le scarpe,

e così sono tornato a casa.

Comments are closed.

« »