Epür …gh’inn!

Ott 19 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 93 Views • Commenti disabilitati su Epür …gh’inn!

Le poesie dialettali di Edo Figini

Giuvin e scarnii, j öcc ‘mè quii d’un matt,

mazz dal cànuf in cò, cagnà da sbièss.                 

I strasc enormi, a tiran‘dré i sciavatt,

e lassan un udur tra inceens e‘n cèss.

 

Duprà ul velén ‘mè ‘l füss ‘na religiun,

refüdà ul bel, ul bun, ul “sentiment”,

e fass dal maa pa’scund i so turment.

 

Giuventü brüsada? Ma vegn ul’impressiun,

(senza preténd da vess un prufessur)

che’j tràsan cumè pirla, j’ann migliur!                

 

Traduzione

 

Eppur … ci sono!

Giovani e smagriti, gli occhi da matto,

capelli stopposi, masticano in continuazione.

Vestiti enormi, trascinano i piedi,

e lasciano dietro un odore fra incenso e cesso.

 

Adoperano il veleno, come se fosse una religione,

rifiutano il bello, il buono, il “sentimento”,

e si fanno del male per nascondere i loro tormenti.

 

Gioventù bruciata? Io ho l’impressione,

(senza pretendere di essere un professore)

che sprechino come pirla gli anni migliori!

Comments are closed.

« »