Cun la mort in dal cöör

Nov 30 • L'opinione, Prima Pagina, Sport e Cultura • 77 Views • Commenti disabilitati su Cun la mort in dal cöör

Le poesie dialettali di Edo Figini

Cun la mort in dal cöör (e piang nun podi)

mo devi custatà cumè i busaard

ai gh’abian vüü resun in tütt i modi

par famm passà nümm svizzar da bastard.

 

Oh pôra Patria Elvezia, sbassa ul co,

dananz a quest’Europa preputenta

che ta duaré, sübì vuré-o-nulenta

senza di un cip ma dumà ‘ngussà gio.

 

Se l’amur patrio incöö l’è ‘n brütt difett

mi sa regordi ai temp di ditatüür,

fasci-nazismo, (chi piü ga n’ha na mett,)

i tempi tristi, ben püssee che dür.

 

Ma sevum d’una forza ben temprada

prunt a difend la Patria in temp “da famm”.

Incöö la magiuranza ‘mbastardada

gh’hann permetüü ai furest da giüdicamm.

 

Ga vörarà mia ‘n pezz, Svizera cara

par duvé cüntà  i disastri culussai

creaa da chi, al sun dala fanfara

hann scunfundüü chi avress pudüü evitai.

 

Ma in la demucrazia, a la sann tütt,

che cünta inn i voti, bei o brütt.

E ul  voto l’è pussibil  da urientall

anca verz  l’ütupia ‘nternaziunal.

 

E i  bei sirenn sinistri, cun fö i tett,

e chi credéa da perd un quei franchett,

hann faj sü maa i sò cünt, che ur-dala-fin

duarann crepà ‘nca luur, ‘mmezz ai rüinn.

 

© Edo Figini, 26 nov. 2018 giorno dopo la perdita della nostra sovranità.

 

Traduzione

 

Con la morte nel cuore

 

Con la morte nel cuore (e non posso piangere)

Adesso devo constatare come i bugiardi

Abbiano avuto ragione in tutti i modi

Per far passare noi Svizzeri da bastardi.

 

Oh povera Patria Elvezia, abbassa il capo,

di fronte a questa Europa prepotente

che dovrai subire, volente o nolente,

senza dire un cip, ma solo ingoiare.

 

Se l’amor patrio oggi è un brutto difetto,

io mi ricordo ai tempi dei dittatori,

fasci-nazismo, (e chi più ne ha più ne metta),

tempi tristi, ancor più che duri.

 

Ma eravamo di una forza ben temprata,

pronti a difendere la Patria in tempi “di fame”.

Oggi, è la maggioranza imbastardita

che ha permesso agli stranieri di giudicarci.

 

Non ci vorrà molto, Svizzera cara,

per contare i colossali disastri

creati da chi, al suon della fanfara,

ha confuso chi avrebbe potuto evitarlo.

 

Ma in democrazia, lo sanno tutti,

che contano sono i voti, belli o brutti.

E il  voto è possibile orientarlo

Anche verso l’utopia internazionale.

 

E le belle sirene sinistre, con le tette all’aria,

e quelli che credevano di perdere qualche franchetto,

hanno fatto male i loro conti e alla fine

dovranno morire anche loro in mezzo alle rovine.

Comments are closed.

« »