Calà i braagh!

Giu 14 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 70 Views • Commenti disabilitati su Calà i braagh!

Le poesie dialettali di Edo Figini

Gh’eva ‘na volta “Roma”,  quii  Ruman,

che j’evan  cunquistaa metà dal Mund.

Pareva che j gavessan tütt in man,

richezza bundanzusa e senza fund.

Gudevan quii  “tesori” cunquistaa

sicür che la pudess mai-piü  nà maa.

 

E inscì han cumincia a fa schizinuus,

che certi lavurà  tropp ümiliant

cumè j artigianaa tropp fadiguus

ja fassan dumà  i schiavi  (j’immigrant.)

che evan giuvin,  fort e mutivvaa

tempraa dai gran fadigh ben supurtaa.

 

E dopu ‘n quei cent’ann s’inn truvaa li

l’ imperatuur  furest ben impiantaa

Che ja faseva rigà, drizz cumè ‘n- i,

e piang e lamentass ‘mè disperaa.

Parchè in cà sua  hann duvüü custatà

che gh’eva i furestee a cumandà.

 

*********

 

In Svizzera, ‘l benessar che gh’è adess,

(traa’nsemm da gent cun forza da leun)

l’è in man a guvernant senza cujun

ch’inn dré a cercà da lassàl nà ‘ndal cess.

Sa alénan  cumè matt a quel’aziun

da fa la squadra innanz, cun giò i calzun.

 

Par übidì a nosta “Ecunumia”

(La magiur part già in man a furestee)

ai ma cunvinciarann a duvé sbatt-via

la LIBERTÀ e schisciàla sott’i pee.

E rinüncià par sempru a quela posta

che l’è ‘l diritu a cumandà in cà nosta.

 

E quand avremm firmaa quel tal cuntratt

cun quel’Europa prunta da sbranamm,

a pudaremm gudessala da matt

par vell ciapaa ‘nda boff. Par cunsulam

a disaremm:  Che maa a ciapal  dadré,

ma adess vaa….  vù da corp che l’è ‘n piasé.

 

© Edo Figini,    3 giu. 2019.

 

Traduzione

 

Calare le brache!

 

C’era una volta “Roma”, quei Romani

che avevano conquistato metà del mondo.

Pareva che avessero tutto in mano,

ricchezza abbondante e senza limiti.

Godevano di quei “tesori” conquistati

sicuri che non potesse mai più andare male.

 

E così cominciarono a fare gli schizzinosi,

che certi lavori troppo umilianti

o faticosi come l’artigianato,

che li facessero solo gli schiavi (gli immigranti)

che erano giovani, forti e motivati,

temprati dalle grandi fatiche che sopportavano bene.

 

E dopo qualche centinaio di anni si sono trovati lì

l’ imperatore straniero ben insediato

che li faceva rigare diritti come una “i”,

e piangere e lamentarsi come disperati.

Perché in casa loro avevano dovuto constatare

che erano gli stranieri a comandare.

 

*********

 

In Svizzera, il benessere che c’è adesso,

(creato da gente con una forza da leoni)

è in mano a gente senza attributi

che cerca di gettarlo nel gabinetto.

Si stanno allenando come matti a far sì

che la squadra vada in avanti, con giù i calzoni.

 

Per ubbidire alla nostra “Economia”

(la maggior parte già in mano a stranieri)

ci convinceranno di dover buttare via

la LIBERTÀ e schiacciarla sotto ai piedi.

E rinunciare per sempre quella prerogativa

Che è il diritto di comandare in casa nostra.

 

E quando avremo firmato quel tal contratto

con quell’Europa sempre pronta a sbranarci,

potremo godercela come matti

per averlo preso in quel posto. Per consolarci

diremo: che male prenderlo nel didietro,

ma adesso, però… vado di corpo che è un piacere.

 

 

Comments are closed.

« »