Benvenuti a TIpedusa

Lug 10 • L'opinione, Prima Pagina • 538 Visite • Commenti disabilitati su Benvenuti a TIpedusa

Black Rot

Black Rot

Vorreste trascorrere le vostre ferie a Lampedusa?

 

Lampedusa è una stupenda isola italiana nel Mediterraneo, e attualmente è sede di molteplici (ossia inevitabili) e gratuite possibilità di contatti interculturali interessanti, che vi evitano faticosi viaggi nel continente nero. Ma se non volete viaggiare fino a quest’isola mediterranea, per tali contatti è più che sufficiente una visita alla stazione centrale di Milano. E se anche Milano vi sembra troppo lontana,  scegliete per le vostre vacanze l’ancora più sottomano cantone svizzero di “TIpedusa”, ossia Ticino. Lì trovate gratis tutto quanto potreste eventualmente aver mancato in Africa, Lampedusa o Milano. *)

 

Trovate formidabili gli accordi di Schengen/Dublino?

 

Schengen/Dublino è una magnifica idea venuta a suo tempo alle sublimi menti dell’Unione europea (quelle che hanno poi anche inventato l’euro) nella loro immensa saggezza. Grazie a questo progetto, oggi esistono molteplici (ossia inevitabili) possibilità di contatti interculturali in Europa, che vi eviteranno, come detto, faticosi viaggi nel continente nero. Qualora voleste conoscere meglio l’applicazione concreta di questi accordi, recatevi allora in Italia (lì non c’è praticamente la registrazione dei migranti , bensì un incitamento a “calci nel sedere” a proseguire il viaggio). Oppure in Francia (blocco delle frontiere). O in Austria (sospensione del diritto d’asilo). Oppure in Ungheria (rifiuto di riprendere “rifugiati” andati altrove). O in Grecia (in ragione di una sentenza CEDU conformemente all’UE, nessun rinvio possibile di profughi è più permesso, a causa delle locali strutture “inumane” d’alloggio). Oppure in Inghilterra (“Non accettiamo alcun contingente di rifugiati”). O ancora in Spagna e Portogallo (lì, a causa del cattivo trattamento, non un solo africano nero vuole comunque rimanere). Oppure in Polonia, Lituania, Lettonia, Finlandia…**)

 

Volete vivere da vicino e sulla vostra pelle i benefìci di Schengen/Dublino?

 

Se sì, vi raccomandiamo la Svizzera quale meta turistica e appunto – come detto – soprattutto il canton “TIpedusa”. Da nessun’altra parte in Europa entrambi gli accordi con l’UE sono applicati così servilmente alla lettera come nello Stato (finora) non-UE Svizzera. Da nessuna parte i contatti interculturali con i migranti illegali sono ufficialmente benvenuti (per non dire imposti) come da noi. Perché una ministra PS vuole mostrarsi solidale con un’UE che non si sa più da che parte voltare. Ma Marignano l’abbiamo già vissuta una volta – e non esattamente a nostro vantaggio. Ne occorre proprio una nuova edizione in chiave socialista? 

 

Avete ancora dei dubbi?

 

La nostra, attualmente problematica, politica della migrazione è prescritta dall’amministrazione federale e consolidata da una maggioranza parlamentare. Se non avete dubbi e accettate questo stato di cose, allora non cercate di cambiare gli attuali rapporti delle forze politiche: il prossimo ottobre votate pure social-verde-cristiano-liberal-socialista, ossia per la sinistra oppure – il che fa lo stesso – per i cosiddetti “partiti di centro”. Ma se invece avete qualche dubbio sulla nostra attuale politica della migrazione di chiara impronta socialista orientata all’UE, avete un’alternativa. Votate piuttosto per l’UDC, al fine di cambiare le cose a nostro vantaggio.   

 

 

Black Rot

   

 

  *) Vi garantiamo sotto giuramento che non si tratta di uno spot pubblicitario di Ticinoturismo.

 

**) Sull’esatto stato attuale della non-applicazione degli accordi, solo la commissione UE di Schengen/Dublino può fornire informazioni esaustive, perché ogni giorno aumenta il numero degli Stati UE che ignorano completamente detti trattati.  

      

Comments are closed.

« »