A tupìcch

Dic 18 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 572 Visite • Commenti disabilitati su A tupìcch

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Sura penseer,

cul cò n’di gàbul,

penseer da sass

che scüscia ul fiaa.

 

Narù ‘n dal bosch,

a cercà ul ciaar,

a cercà paas

pai me pecaa.

 

Ul bosch amiis

di mè fastidi,

ul bosch che ciama

i me risuurs.

 

Devi rinass,

devi lutà,

devi fa ‘mpressa

e mai mulà!

 

Gh’è ‘ncamò tantu

da duvè ‘mparà

in da ‘sta vita

fada a scunquass.

 

Gh’è ‘ncamo tanti

ciaritt che brila

che ciama alarme

e fann stremì.

 

Ma paar che trema

ul söll sot’i pè.

Ma paar che grema

‘l pan infurnaa.

 

Stanti a capì

se ul punt l’è mè,

a fala fö ai cicch

cun la mia vita.

 

Parchè se perdi,

e ul punt l’è ul sò,

mi gh’hu mia voja

da nà a tupicch!

 

© Edo Figini 9 mar. 2012.

 

 

Traduzione

Inciampando (A tupìcch)

 

Soprapensiero,

con la testa nei problemi,

pensieri di sasso

che schiacciano il respiro. 

 

Andrò nel bosco

a cercare la luce,

a cercar pace

per i miei peccati.

 

Il bosco amico

dei miei fastidi,

il bosco che chiama

le mie risorse.

 

Devo rinascere,

devo lottare,

devo far presto,

e mai mollare.

 

Ho ancora molto

da imparare

in questa vita

fatta a sconquasso.

 

Sono ancora tante

le spie che brillano

e chiamano.allarme

e fanno spaventare.

 

Mi pare che tremi

il suolo sotto i piedi.

Mi pare che stia carbonizzando

l’infornata di pane.

 

Stento a capire

se il punto è mio,

giocando alle biglie

con la mia vita.

 

Perchè se perdo

e il punto è suo,

io non ne ho voglia

di andare a tupicch.

Comments are closed.

« »